venerdì 15 novembre 2013

In ricordo di Maria Grazia Cutuli (1962-2001)

la giornalista siciliana Maria Grazia Cutuli
Il 19 novembre 2001 venne uccisa in Afghanistan l'inviata del Corriere della Sera, la giornalista Maria Grazia Cutuli.

di Luca Ferrari 

"Tu, corri nella notte…non ricordo bene del perché avessi scelto la tua storia, forse perché avrebbe potuto somigliarmi" … Iniziava così TU…LUCI…CULTI, poesia che partorii a cavallo del 22 e 23 novembre 2001, qualche giorno dopo aver appreso la tragica notizia dell'uccisione della giornalista siciliana Maria Grazia Cutuli.

Approdata al Corriere della Sera a metà anni Novanta, prima di partire alla volta dell'Afghanistan, aveva già maturato esperienze internazionali in Liberia, Angola, Costa d’Avorio, Bosnia, Cambogia e Pakistan. La sua storia professionale raccontava anche di alcuni mesi vissuti nella martoriata Ruanda come osservatrice della Commissione ONU per i Diritti Umani. Arriva l’11 settembre 2001. Due aerei di linea dirottati si schiantano sulle Torri Gemelle di New York. La risposta del presidente cowboy George W. Bush è immediata. Stati Uniti & alleati partono per rovesciare il regime talebano in Afghanistan.

Maria Grazia Cutuli viene inviata come reporter. Non passano neanche due mesi e la sua vita si ferma per sempre. Il 19 novembre 2001 nei pressi di Sarobi, sulla strada che collega Jalalabad, capoluogo della provincia afgana di Nangarhar, alla capitale irachena Kabul, cade vittima di un agguato. Insieme a lei vengono assassinati lo spagnolo Julio Fuentes, inviato del quotidiano El Mundo, l'australiano Harry Burton e l'afghano Azizullah Haidari, corrispondenti entrambi dell’agenzia di stampa Reuters.

Mestiere duro quello degli inviati al fronte, in particolar modo per coloro che non si nascondono dietro i comunicati stampa degli eserciti e governi. Maria Grazia Cutuli era una giornalista capace e determinata, come la sua collega Monica Maggioni un giorno ebbe modo di accennarmi durante un'intervista pe la presentazione del suo documentario Out of Tehran alla 68° edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia .

Quando appresi della tragica notizia ricordo ancora che la immaginai così: la solitudine di una camera d’albergo. Il puzzle di parole sul laptop. La frenesia di una corsa per un servizio da realizzare tra esplosioni e sangue. Una persona, un testimone, un informatore da incontrare.

E poi un diario di viaggio che iniziava a riempirsi sempre di più. La sua foto in chador viola dal giornale. Io m’innamoro una volta ogni dieci anni, disse. Chissà a che punto era in quei giorni di dodici anni fa. Chissà se la mattina si concedeva qualche minuto in più per mimetizzare i timori prima di cominciare a raccontare le guerre.

Poi però finì tutto in qualche nuvola di polvere da sparo. Ciao Maria Grazia Cutuli (1962-2001), oggi è uno di quei giorni da illusioni ridotte in miniatura dove libertà e fede non sono che termometri dell’austerità della terra. Ciao Maria Grazia, nella libreria dei massacri dovrò accettare anche la fine del tuo coraggioso cuore. Una creatura donata in maniera ingiusta e troppo precoce alle tende dell’orizzonte.


la giornalista siciliana Maria Grazia Cutuli
...orizzonte sconfinato © Luca Ferrari

Nessun commento:

Posta un commento