martedì 28 aprile 2015

Venezia, il percorso della Memoria

Venezia, campiello Bruno Crovato – l’antifascista  Carlo Bullado © Luca Ferrari
È il 25 aprile 2015, il 70° anniversario della Liberazione dal nazifascismo. Viaggio lungo il percorso della Memoria, a Venezia, in ricordo dell’eccidio di Cannaregio.

di Luca Ferrari

Le Brigate Nere si organizzarono presto. Uno dei loro era stato assassinato e bisognava fargliela pagare. A tutti, senza distinzione. Comunisti, cattolici, liberali o agnostici. La rappresaglia scattò secondo il modello 1-10: per ogni morto nazifascista, 10 uccisi tra le file del nemico. Oggi, nel 2015, a settant'anni dalla Liberazione del 25 aprile 1945, Venezia ricorda l'eccidio di Cannaregio con il percorso della Memoria. Un evento organizzato da IVESER - Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea, in collaborazione con ANPI - Associazione Nazionale Partigiani d'Italia, Comune di Venezia, ANPPIA, FIAPP e Comunitá Ebraica.

Venezia, 25 aprile 2015. Non sono neanche le 10 del mattino quando una folla sempre più numerosa si sta radunando in campiello Bruno Crovato, dedicato a uno dei caduti del suddetto massacro. Fu il primo, nel cuore della notte, ad andare ad aprire alla porta ai suoi assassini. Ciò che si trovò davanti infatti non fu un pellegrino o un amico, ma una pistola (nera) che lo colpì a morte senza nessuna pietà. Al centro del campo ci sono l'antifascista Carlo Bullado e Bruno Gamacchio (Partigiano Bianco), con l'ANPI - Associazione Nazionale Partigiani d'Italia.

Il 25 aprile a Venezia è sempre un giorno speciale. Non solo si celebra la festa della Liberazione dal nazifascismo ma è anche il giorno del patrono San Marco, durante il quale i maschietti regalano alla propria amata un bocciolo (bocolo) di rosa. Ma in questo giorno di memoria e amore, c'è stato spazio anche per l'ignoranza. Sfruttando la storia di una città aperta, orde senza il benché minimo straccio di ideologia hanno sventolato la bandiera del leone di San Marco commentando con volgarità e becera inciviltà il passaggio dei partigiani e i festeggiamenti della Liberazione.

Passano gli anni eppure sono tanti gl'italiani che ancora rimpiangono il duce Benito Mussolini. Ne vanno fieri. Lo ostentano con penosa tracotanza. Un insulto all'Italia, alla Costituzione e ai più basilari diritti dell'Uomo. Tralasciando questa degenerazione di sostenitori di morte, si comincia con la prima posa di fiori sopra la lapide di Bruno Crovato, preceduta da l'inno di Mameli e la partigiana Bella ciao, suonate e cantate dal coro 25 Aprile insieme ai presenti. 

Adolescenti e anziani. Genitori e bambini piccoli. Ci sono tutti a vivere il percorso della Memoria. Abbandonato il primo campiello, si prosegue verso per la seconda commemorazione, presso il ponte dei Sartori, davanti alla lapide in memoria di Luigi Borgato. È poi la volta di Giuseppe Tramontin (si prese anche lui una pallottola alla testa ma si salvò) in calle Priuli, quindi in Fondamenta S. Felice per Ubaldo Belli, in calle Colombina per Piero Favretti, in campiello del Magazin per Augusto Picutti e in corte Correr per il Capitano Manfredi Azzarita, originario di Cannaregio e ma perito nell'eccidio delle Fosse Ardeatine.

Dopo aver percorso per calli e lungo tutta la Strada Nuova, il corteo si dirige verso il ghetto ebraico, nel cui campo del Ghetto Novo ogni anno si celebra la Festa della Liberazione. Prima di entrarvi però, c'è un'ultima lapide verso cui rivolgere i propri pensieri. Quella di Adolfo Ottolenghi, rabbino capo di Venezia, prelevato dai nazifascisti ormai malato e anziano, e mandato a morire nel campo di sterminio di Auschwitz.

Le guerre non si sono fermate con la fine della II Guerra Mondiale. Sono continuate in modi ancor più subdoli. Almeno un giorno l'anno qualcuno (più di) ripensa a quel giorno. Un momento storico in cui la tirannia nazista finì nel fango, strozzata dal suo stesso sangue che tanto aveva orrendamente versato in tutta Europa. Una parte d'Italia si ribellò a quel giogo. Loro, i partigiani. Orgoglio di una nazione ancor oggi laconicamente divisa.

Non è un giorno come gli altri il 25 aprile, a Venezia, come in tutto il resto della penisola. Se ne facciano una ragione quei politici (tanti) e quelle persone che vorrebbero riscrivere la Storia. Non accadrà. L'Italia si è sollevata al nazifascismo e ha reagito. Cessa il vento, calma è la bufera/ Torna a casail fiero partigian/; sventolando la rossa sua bandiera; vittoriosa, al fin liberi siam! Qui, da Venezia, buon 25 aprile e buona festa della Liberazione a tutti.

W la Libertà. W la Resistenza. W l'Italia libera e unita.

Modena City Ramblers - Fischia il vento

Venezia, campiello B. Crovato – i fiori sulla lapide di Bruno Crovato © Luca Ferrari
Venezia, campiello B. Crovato – ANPI presente © Luca Ferrari
Venezia, campiello B. Crovato – si ascolta l’inno di Mameli e Bella ciao © Luca Ferrari
Venezia, il corteo si muove lungo il percorso della Memoria © Luca Ferrari
Venezia, lapide in memoria di Luigi Borgato © Luca Ferrari
Venezia, lapide in memoria di Giuseppe Tramontin © Luca Ferrari
Venezia, il corteo lungo il Percorso della Memoria © Luca Ferrari
Venezia, lapide in memoria di Piero Favretti © Luca Ferrari
Venezia, lapide in memoria del Capitano Manfredi Azzarita © Luca Ferrari
Venezia, lapide in memoria del rabbino Adolfo Ottolenghi © Luca Ferrari
Venezia, campo del Ghetto Novo © Luca Ferrari

domenica 26 aprile 2015

Cookie policy

Cookie policy

In ottemperanza alla direttiva del Garante della Privacy vogliamo informarvi che:

Il Garante della Privacy, con il Provvedimento per la protezione dei dati personali n.229/2014, ha creato una direttiva a livello europeo che impone agli amministratori dei siti web/blog di spiegare e informare i visitatori su quale sia la politica dei cookie del sito web che stanno visitando, e di richiedere l'accettazione proseguendo nella navigazione.

The Way of the Miles” utilizza la piattaforma Blogger che appartiene al gruppo Google, e come da legge sono presenti l'informativa generica e una più specifica sull'utilizzo dei cookie su questo sito.

INFO: Che cosa sono i cookie?

Un cookie è una piccola stringa di testo che un sito registra sul browser, e che serve per memorizzare informazioni specifiche sugli utenti. Questi cookie vengono utilizzati da un sito per ricordare l'utente e ottimizzare la navigazione sui siti già visitati in precedenza. Inoltre vengono anche usati per compilare statistiche anonime aggregate che consentono di capire come le persone usano i siti e per aiutare a migliorare la struttura ed i contenuti. Pur ricevendo tali informazioni i cookie non permettono l'identificazione individuale dell'utente.

Ci sono diversi tipi di Cookie:

-Indispensabili: utili per la navigazione nel sito web.

-Tecnici: sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1 del Codice).

Tali cookie possono essere suddivisi in: cookie di navigazione o di sessione, cookie analytics, cookie di funzionalità.

Per l’installazione dei cookie di navigazione o di sessione e di funzionalità non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.

Per quanto riguarda invece i cookie analytics (attualmente disattivati, per scomparire del tutto da venerdì 25 luglio 2015) si evidenzia che non necessitano di consenso solo se di natura statistica e utilizzati all’interno del sito del gestore.

- Profilazione: "sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso”.

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto alcun tipo di consenso, mentre i cookie di profilazione possono essere installati dall'utente previa accettazione delle condizioni generali e dopo essere stato informato.

Infatti, il Garante per la Privacy ha stabilito che nel momento in cui l'utente accede a un sito web deve comparire un banner, o come qui sul blogger una stringa in alto, con una breve informativa (estendibile attraverso un link) e la richiesta del consenso.

L’utente può bloccare o limitare la ricezione di cookies attraverso le opzioni del proprio browser.

Su Internet Explorer, cliccare sulla voce “Strumenti” della Barra dei menù e poi sulla sottovoce “Opzioni Internet”. Infine accedere alle impostazioni della scheda “Privacy” per modificare le preferenze relative ai cookies.

Su Firefox, cliccare sulla voce “Strumenti” della Barra dei menù e poi sulla sottovoce “Opzioni”. Infine accedere alle impostazioni della voce “Privacy” per modificare le preferenze relative ai cookies.

Su Chrome, digitare “chrome://settings/content” nella barra degli indirizzi (senza virgolette) e modificare le impostazioni relative ai cookies come si desidera.

Su Safari, selezionare la voce “Preferenze” e poi scegliere “Privacy”. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.

Se si usa Safari su dispositivi portatili, come iPhone e iPad, è necessario invece agire in questo modo: andare sulla voce “impostazioni” del dispositivo e in seguito trovare “Safari” sul menù di sinistra. Da qui, alla voce “Privacy e sicurezza”, sarà possibile gestire le opzioni sui Cookie.

Per disabilitare i cookie di servizi esterni è necessario agire sulle loro impostazioni:

Quali cookie utilizza questo blog?

In particolare sono presenti file di log che registrano la cronologia delle operazioni insieme a indirizzi IP, tipo di browser, Internet Service Provider, data, ora, pagina di ingresso e uscita e il numero di clic. Tutto questo per amministrare il sito, monitorare il movimento dell’utente dentro il sito e raccogliere dati demografici, indirizzi IP e altre informazioni.
Tali dati non sono riconducibili in alcun modo all’identità dell’utente.

Il sito e il suo amministratore non hanno alcun controllo sui cookie che vengono utilizzati da terze parti quindi per approfondire il tema si consiglia di consultare le politiche della privacy di queste terze parti. È possibile disabilitare i cookie direttamente dal proprio browser.

Su questo blog hanno accesso i seguenti server di terze parti:

- Facebook

- Google +

- Google friend connect

- Twitter

- YouTube


Modulo dei commenti

La piattaforma di Blogger permette di commentare solo ad utenti iscritti su siti di terzi, a seconda del quale state utilizzando vi invitiamo a leggere le loro rispettive privacy policy:
- AIM
- LiveJournal
- Typepad
- Wordpress


Utilizzando il presente blog, dichiari di essere d’accordo con l’elaborazione dei tuoi dati da parte di Google, ottenuti nel modo e per lo scopo indicati.


inoltre,

Privacy.

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail oltre a un nome.

Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e i dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog, in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima.

Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ art. 7 del D.Lgs. 196/2003.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.

Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, contattatemi pure. Saranno immediatamente rimossi. L’autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.


Informativa Privacy Blog

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome, che possono anche non essere pubblicati insieme al commento postato dall’utente, mentre l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito.

Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e i dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog, in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima.

Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ art. 7 del D.Lgs. 196/2003.



ADV

Questo sito non fa uso di nessun tipo di pubblicità (banner e google adwords ecc).

mercoledì 22 aprile 2015

M'illumino di Firenze

Firenze © Luca Ferrari
Viaggio nel capoluogo toscano, Firenze. Dalla chiesa di S. Maria Novella, passando per Ponte Vecchio fino a raggiungere il col di Fiesole.

di Luca Ferrari

Un viaggio più lungo del previsto. Come di attesa. Lì, c’è qualcosa che ti aspetta. Sotto la cattedrale brunelleschiana. Il caldo si fa sentire. Uno strano appetito di contrade si fa breccia nei miei pensieri. Le mie tasche sono più leggere. Ma c’è posto anche per il mare. Anche se sarà un po’ lontano. Google Map non mi serve per raggiungere il mercato di San Lorenzo, ma non ci arriverò dalla strada più ovvia. Dovrò lasciare a casa un paio di stufe e prendere confidenza con una nuova vita. E cominciare dal di dentro del ventre stesso di Firenze.

Se sarò abbastanza fortunato o saggio, oggi è uno di quei giorni che tra dieci anni potrò guardare con smisurato orgoglio. Le bancarelle si aprono lentamente. Il sole non dà tregua. Qualche petalo di fiore è sfuggito ai ligi spazzini. C’è una sedia vuota. Sarà la mia bibbia di riferimento mentre m’innalzo a cercare di catturare quelle nuvole ostaggi del cielo che si nascondo dietro i sontuosi edifici che popolano il capoluogo toscano.

Senza tante remore e fermate intermedie (e ce ne sarebbero da fare) volo diritto verso Ponte Vecchio, concedendomi appena qualche respiro tirato lungo il loggiato della Galleria degli Uffizi. Lui, l’unico ponte che non venne fatto saltare in aria dai Nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale. E subito su. A scrutare la Torre dei Mannelli, senza farsi tentare dalle botteghe degli Orafi, ma soprattutto lui. Il fiume. L'Arno. Vi scorre sotto. Custode silenzioso.

Cambio di prospettiva immediato. Arrivo fino là, a Piazzale Michelangelo. Sede della movida turistica estiva. Più panoramica che non effettiva. Per il resto, ci sono locali lungo l’Arno e nel cuore della città. Arrivano i pullman. Ancora e ancora. Di spazio ce n’è. Il Duomo di Santa Maria del Fiore, il Campanile di Giotto e Palazzo Vecchio si vedono chiaramente. Fiori all’occhiello di una città simbolo indiscusso del Rinascimento. Tablet, iPad e iPhone sono il presente. Catturano scorci luminosi a ripetizione. Primi piani. Panoramiche che in un attimo sono già su Facebook o spedite ad amici/familiari lontani.

Sarò nostalgico ma io avrei voglia di scrivere una lettera a mano. Avvalendomi di tutti quei particolari che ho assaporato per la prima volta attraversando via dei Ginori, Borgo San Lorenzo quindi arrivando fronte Battistero di San Giovanni. Ho fatto tutto questo senza collocare anticamere sui miei occhi, e così alla fine mi sono accorto di avere ancora spazio per un’ultima fotografia. Senza dover cancellare nulla dai frettolosi calchi della mia immaginazione.

Mi resta ancora una cosa da fare prima di dire addio al mio primo e ultimo giorno. Salire lassù. Sul colle di Fiesole. E magari godermi insieme a qualche pagina di un buon libro la Città nella conca. E così è. Un autobus pubblico preso poco distante dallo stadio di calcio Artemio Franchi mi fa smontare come capolinea proprio nella piazza centrale. Il tempo di arrivare lì, sulla terrazza naturale con una strada leggermente in salita, e accuso una sensazione di preludio frastornato. Da lassù si vede il verde. L’arte che colpisce è quella di Madre Natura.

Dopo una fermata fatta di corsa a perdifiato in discesa, proseguo il tragitto ancora in bus fino a ritrovarmi in zona centro. Quando sto per riprendere la via verso la stazione, un giovane su di una sgangherata bicicletta mi taglia quasi la strada. Non ha l’aria di chi sa di preciso dove stia andando, anzi. Appare un po’ disorientato. Forse è uno di quegli studenti venuto a mettere radici qui, nella ‘ulla del Rinascimento. Io glielo auguro. Firenze non è una città per tutti. E non tutti siamo destinati a vivere a Firenze. 

Firenze, la chiesa di S. Maria Novella © Luca Ferrari
Firenze, Duomo - Cattedrale di Santa Maria del Fiore © Luca Ferrari
Firenze, dal Duomo con vista sul Campanile di Giotto © Luca Ferrari
Firenze, dal Duomo con vista sulla Basilica di Santa Croce © Luca Ferrari
Firenze, Palazzo Vecchio © Luca Ferrari
Firenze, verso Ponte Vecchio © Luca Ferrari
Firenze, Ponte Vecchio sull'Arno © Luca Ferrari
Fiesole legge Firenze © Luca Ferrari
Firenze vista da Fiesole © Luca Ferrari